CalcioPillole di coaching

Sogno perché son desto

By Aprile 26, 2016 Maggio 23rd, 2019 No Comments

La carriera calcistica è un romanzo con un solo protagonista e un gran finale. Il protagonista unico e indiscusso sei tu; il finale consiste nella realizzazione dei tuoi sogni. I teorici costruttivisti insegnano che la realtà non è una scoperta, ma un’invenzione della nostra mente. Secondo questo orientamento – appunto la teoria costruttivista (tra i suoi principali esponenti Umberto Maturana, Francisco Varela, George Kelly)- la realtà non può essere considerata come qualcosa di oggettivo, indipendente dal soggetto che la vive, in quanto è il soggetto stesso che crea, costruisce e inventa ciò che crede esista. Insomma, sta a noi dare forza ai nostri sogni, soltanto così essi assurgeranno a realtà.

football-689262_960_720

L’impresa sembra facile, ma non lo è perché nella strada che porta alla loro realizzazione rischiamo di fare i conti con il peggiore dei nemici. Di chi stiamo parlando? Se state pensando agli allenatori, agli arbitri o alla sfortuna siete fuori strada. Il nemico più ostico è rappresentato da noi stessi. Proprio così, nel momento in cui smetti di credere ai tuoi sogni e inizi a dare adito alle voci di chi li considera infantili o irrealizzabili hai intrapreso la strada del fallimento. Nulla e nessuno possono impedirti di realizzare il tuo sogno. Il solo fatto che lo hai pensato, significa che è possibile.

Sì, perché nel momento in cui lo hai pensato lo hai anche vestito di connotati ben precisi attraverso i sensi, dall’olfatto (lo senti il profumo dell’erba appena tagliata all’Olimpico di Roma?) all’udito (i tamburi, i cori, quarantamila persone stanno scandendo il tuo nome…) passando attraverso tatto, vista e gusto. Sogno è sincronia, sogno è risonanza, sogno è diventare un connubio inscindibile di mente e corpo, una macchina perfetta proiettata verso la felicità.

“Qual è il tuo sogno?”. E’ questa la domanda che rivolgo sempre ai calciatori nel corso della nostra prima chiacchierata. E la domanda più importante, quella da cui tutto prende origine, eppure quasi sempre registro la loro sorpresa: c’è chi sorride, chi rimane in silenzio, chi chiede spiegazioni. Già, nel mondo del calcio è vietato sognare; nel mondo del calcio ti ripetono fino alla nausea di non fare voli pindarici e di non passeggiare tra le stelle.  E invece no, tu vola e  rispondi alla mia domanda: qual è il sogno che vuoi realizzare? Pensaci, prenditi tutto il tempo di cui hai bisogno, tratta il tuo sogno come fosse un obiettivo. E non perdere tempo: ricordati cosa diceva lo scienziato americano Edgar Cayce: “i sogni sono le risposte di oggi alle domande di domani.”


Articolo a cura di Marco Cassardo

Sport Power Mind

Sport Power Mind

Sport Power Mind è la forza di una squadra al servizio dell'atleta; un team di professionisti uniti tra loro dal medesimo obiettivo: liberare il potenziale degli atleti per massimizzare le loro prestazioni. Sport Power Mind utilizza, sia per la formazione, sia durante le sessioni di lavoro con gli atleti, un metodo di coaching unico e distintivo, frutto di studi ed esperienze maturati in anni di attività sul campo.

Lascia un commento a questo articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.