Calcio

Portogallo, la vittoria della mente

By Luglio 19, 2016 Maggio 23rd, 2019 No Comments

L’infortunio di Cristiano Ronaldo ha deciso l’Europeo; non come la stragrande maggioranza delle persone ha immaginato quando ha visto il fuoriclasse del Real Madrid lasciare il campo in lacrime, e cioè con un facile trionfo dei “blues”, ma nel modo più inaspettato, con la vittoria del Portogallo.

Potere della mente. Quando Cristiano Ronaldo è uscito azzoppato da un’entrata balorda di Poyet, la Francia è passata dai favori del pronostico all’obbligo di vincere. Gran brutta cosa essere obbligati a vincere: se ci riesci hai soltanto fatto il tuo dovere; se non ce la fai sei sottoposto al pubblico ludibrio. Ne sanno qualcosa quei tennisti che si trovano a giocare contro un avversario fiaccato dai crampi; tutto dovrebbe essere facile, invece no, la racchetta inizia a pesare come un macigno, vogliono fare il punto dopo non più di due scambi e perdono lucidità e pazienza. In questi casi succede che nella loro mente l’idea del risultato prende il sopravvento sull’importanza del gesto tecnico, della prestazione. E’ quello che è accaduto ai giocatori francesi: invece di mantenere il focus sulla performance (la singola giocata, il “qui e ora”, la disciplina tattica, la pazienza di attendere il varco giusto), hanno spostato il focus sul risultato. Inizialmente si sono immaginati ad alzare la coppa davanti a tutta la Francia; poi, con il passare del tempo, è probabile abbiano iniziato a visualizzarsi cornuti e mazziati in mezzo al campo con i portoghesi attorno a fare festa.

Se i francesi sono stati disorientati e storditi dall’uscita di Cristiano Ronaldo (tra l’altro da quel momento fino alla sostituzione Poyet, forse per il senso di colpa, è stato un fantasma e ha costretto la sua squadra, di fatto, a giocare in dieci), i portoghesi sono entrati in stato di grazia incarnando alla perfezione il motto “tutti per uno, uno per tutti”.  Massima comunità d’intenti, grinta straordinaria, senso del gruppo e ogni palla giocata come fosse la più importante della vita. Non solo, non dimentichiamo che le squadre i cui risultati dipendono prevalentemente da un fuoriclasse (è il caso del Portogallo di Cristiano Ronaldo ma anche del Galles di Bale o della Svezia di Ibrahimovic) possono estrarre dal cilindro prestazioni strabilianti quando sono private del loro giocatore migliore. I compagni, infatti, in assenza del fenomeno, vogliono dimostrare di essere capaci di vincere anche senza di lui (rispetto al quale nutrono sentimenti ambivalenti, ammirazione ma anche invidia) e sono spinti a esprimere il centoventi per cento delle loro potenzialità. Con il fuoriclasse in campo, la tendenza è quella di delegare; senza di lui ciascuno è chiamato ad assumersi le proprie responsabilità. Pensate al gol decisivo di Eder a pochi minuti dalla fine; se ci fosse stato in campo Ronaldo, molto probabilmente lo avrebbe cercato per appoggiargliela il prima possibile. Invece Ronaldo non c’era ed Eder non ha esitato a scagliare la palla della gloria alle spalle di Lloris.

Eder gol Portogallo

La vittoria del Portogallo è stata la vittoria della mente anche per altri motivi: Cristiano Ronaldo è l’esempio assoluto di come non basti il talento per arrivare a grandi traguardi ma siano necessari una disciplina feroce, la mentalità vincente e il quotidiano desiderio di migliorarsi. E cosa dire del portiere Rui Patricio? Ha sfornato un Europeo straordinario anche grazie al Kriya Yoga, una tecnica di meditazione fatta di esercizi per rafforzare l’equilibrio e respirazioni per trovare la tranquillità interiore. E per finire due parole sul match winner, Eder, che ha saputo entrare in campo con il piglio giusto spaccando la partita. Sapete qual è stata la prima persona che ha ringraziato dopo aver sollevato al cielo la coppa? Susanna, la sua mental coach, che lo ha aiutato a tenere duro nei momenti difficili e lo ha invitato a inseguire il suo sogno anche quando tutto sembrava perduto.


Articolo a cura di Marco Cassardo

Sport Power Mind

Sport Power Mind

Sport Power Mind è la forza di una squadra al servizio dell'atleta; un team di professionisti uniti tra loro dal medesimo obiettivo: liberare il potenziale degli atleti per massimizzare le loro prestazioni. Sport Power Mind utilizza, sia per la formazione, sia durante le sessioni di lavoro con gli atleti, un metodo di coaching unico e distintivo, frutto di studi ed esperienze maturati in anni di attività sul campo.

Lascia un commento a questo articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.